Archivio mensile 22 Febbraio 2022

Didario

Il cinematografo

Il cinema è il mezzo espressivo più potente dell’ultimo secolo e mezzo, ci racconta storie senza tempo che viviamo come spettatori o sognando di esserne i protagonisti, facendoci ora piangere e ora sorridere, lasciandoci sempre un senso di ricchezza interiore al termine della visione di una pellicola. La presa che ha sul nostro immaginario è tale che anche il linguaggio che usiamo comunemente è stato ormai contaminato dalle frasi dei film più belli o che ci hanno più emozionato; non solo, così come succede per la musica, anche al cinema leghiamo spesso i ricordi dell’infanzia e della giovinezza.

La leggenda vuole che il “cinematografo”, com’era chiamato allora il proiettore, sia nato a Parigi nel 1895 in occasione della prima proiezione pubblica a pagamento, organizzata da Auguste e Louis Lumiere. Da tempo i due fratelli stanno effettuando una serie di esperimenti sfruttando la fotografia per riprodurre il movimento.

La prima pellicola mai girata e proiettata con il cinematografo è “L’uscita dalle officine Lumiere”, 45 secondi durante i quali gli operai di Lione escono dalla carpenteria in cui lavorano; l’impatto visivo suscita negli spettatori un enorme stupore. Celebre è la volta in cui alcune persone presenti tra il pubblico scapparono dalla sala alla proiezione de “L’Arrivo di un treno alla stazione di La Ciotat”, temendo che il treno li investisse.

In generale, i primi film sono brevi documentari che hanno durata di circa un minuto e mostrano alcuni aspetti della vita quotidiana della Parigi di quel periodo: un treno che giunge in stazione, un figlio nutrito dalla madre ecc.

Eppure ad avere maggiore popolarità è “L’innaffiatore innaffiato”, unico film a non mostrare la realtà così come appare ma una messa in scena: un giardiniere viene colpito al volto dallo spruzzo d’acqua dell’innaffiatoio, bloccato colpevolmente da un ragazzo. A differenza delle pellicole dedicate alle scene quotidiane, accolte con grande meraviglia, in questo caso il pubblico reagisce ridendo di gusto.

In pochissimo tempo il cinematografo diventa la principale attrazione di mostre e spettacoli ambulanti e le pellicole si arricchiscono di nuovi soggetti, in particolare quelli che stuzzicano la fantasia degli spettatori, come i luoghi esotici e le situazioni di finzione. Mancando il sonoro, i dialoghi vengono sostituiti dalle didascalie che accompagnano le scene e spiegano il racconto. In alcuni casi sono accompagnate dalla musica suonata da singoli musicisti o piccole orchestre, in altri vengono lette e commentate da un imbonitore, il cui compito è spiegarle al pubblico.

Il dado è comunque tratto: da Parigi, in quel momento centro del mondo culturale europeo e internazionale, il cosiddetto “cinema delle origini” si diffonde in tutto il mondo, coinvolgendo un numero sempre più ampio di registi e operatori. Il linguaggio si arricchisce di nuove soluzioni e si fa più strutturato.

Digiusy

Una carriera nel cinema: le cose da sapere

Diciamoci la verità: tutti noi, quando sogniamo a occhi aperti, immaginiamo di diventare famosi grazie alle nostre qualità. Più o meno a ognuno sarà capitato di vedersi regalare una ambita spunta blu su qualche social, oppure di arrivare primo in classifica, o ancora… di calcare un tappeto rosso.

Se il sogno è proprio quello della popolarità cinematografica, bisogna che siate realistici: come nella celebre canzone di Gianni Morandi, uno su mille ce la fa. Per iniziare a lavorare su una carriera del cinema, abbiamo raccolto alcuni consigli. Alcuni potrebbero sembrarvi controversi, ma leggeteli senza preconcetti!

L’importanza dell’aspetto fisico

Per un Peter Dinklage che riesce a diventare una star, esistono migliaia di attori che devono avere certi standard fisici da rispettare.

Per le aspiranti attrici, non deve esserci vergogna nel considerare di migliorare il proprio aspetto per aumentare le possibilità di lavorare: le protesi al seno rotonde disponibili sul mercato, per esempio, sono ormai prodotti di altissima qualità e con una invasività davvero minima – addirittura si fa fatica a vedere la cicatrice del piccolo intervento che serve a impiantarle, come spiegano bene i professionisti di Motiva, da anni ormai i leader nel campo delle protesi al seno rotonde. Un discorso analogo si applica al naso (a patto di non essere Rossy De Palma, la grande attrice spagnola che ne ha fatto il suo tratto distintivo!) o ai glutei.

Cultura: non un dettaglio

Ovviamente, chi ha studiato presso una scuola di recitazione ha un vantaggio rispetto a chi non l’ha frequentata, ma è possibile trovare ruoli e farsi notare anche senza questo percorso. È importante però che si tenga bene a mente la valenza del bagaglio culturale in un attore: chi recita deve avere buonissima memoria, un’eccellente dizione, cura per l’educazione, saper parlare più lingue, tutte qualità intellettuali che tornano utili sul set e nel rapporto con la troupe (regista compreso).

L’uso del corpo

Essere un pezzo di marmo in scena… Quante volte avete visto un attore che proprio non vi convinceva? Ecco, non fate quello stesso errore: costruitevi un elenco di interpreti di qualità e studiate il loro lavoro.

Contemporaneamente, migliorate la capacità di improvvisare sviluppando la mimica facciale per esprimere le emozioni: trovate un partner col quale provare e fatevi giudicare da persone esterne, certamente più obiettive di voi! Oltre a curare l’aspetto fisico (le protesi seno rotonde possono aiutare fino a un certo punto!) sviluppate di più il corpo in generale: per affrontare la maggior parte delle audizioni bisogna essere atletici e muoversi con leggerezza!